Chirurgia vascolare

chirurgia estetica Corpo

chirurgia vascolare a milano, roma e rimini

Trattamento delle patologie del sistema venoso e arterioso

La chirurgia vascolare è una branca della chirurgia che si occupa del trattamento delle patologie a carico del sistema venoso e arterioso. Rispetto al passato sono presenti tecnologie e metodologie mini invasive che permettono un ritorno alla vita sociale immediato e non lasciano cicatrici, ematomi o alterano il colore della pelle.

Si tratta di un settore specialistico della medicina che richiede una formazione e un’esperienza specifiche. I chirurghi vascolari sono ben formati per diagnosticare, trattare e gestire le malattie dei vasi, delle vene e delle arterie. In questa pagina parliamo di cos’è la chirurgia vascolare, da cosa dipendono le malattie del sistema vascolare, quali sono i sintomi delle malattie vascolari, quali sono i tempi di recupero dopo la chirurgia vascolare, cosa non fare dopo la chirurgia vascolare e quanto costa la chirurgia vascolare.

Chi è il chirurgo vascolare?

Il chirurgo vascolare è uno specialista altamente qualificato per il trattamento delle malattie del sistema vascolare.

I vasi sanguigni – le arterie che trasportano sangue ricco di ossigeno e le vene che riportano il sangue al cuore – sono le strade del sistema circolatorio. Senza un flusso regolare di sangue, il corpo non può funzionare. Condizioni come l’indurimento delle arterie possono creare “ingorghi” nel sistema circolatorio, ostruendo il flusso di sangue in qualsiasi parte del corpo.

In cosa consiste un intervento di chirurgia vascolare?

Lo scopo principale della chirurgia vascolare è migliorare il flusso di sangue in tutto il corpo e ripristinare la normale funzione del sistema vascolare. I chirurghi vascolari utilizzano una serie di tecniche chirurgiche per ripristinare la salute dei vasi e per prevenire le complicazioni associate alle malattie vascolari.

Queste tecniche comprendono l’angioplastica, la chirurgia di bypass, lo stenting endovascolare e la trombolisi. I chirurghi vascolari utilizzano anche tecniche endovascolari per diagnosticare e trattare le malattie del sistema vascolare. Queste tecniche comprendono l’ecografia, l’angiografia e la TAC. I chirurghi vascolari sono anche addestrati all’uso di tecniche minimamente invasive come i trattamenti basati su cateteri e l’embolizzazione per trattare le malattie vascolari.

Da cosa dipendono le malattie del sistema vascolare?

L’insorgenza di patologie a carico del sistema venoso e arterioso possono essere causate da vari fattori riconducibili alla genetica o allo stile di vita:

  • Uso di indumenti che stringono le gambe (collant, jeans e stivali);
  • Uso prolungato di tacchi alti;
  • Stare per troppo tempo in piedi o seduti;
  • Sovrappeso;

Le malattie vascolari possono essere causate da una serie di condizioni diverse, come l’aterosclerosi, l’arteriosclerosi, il diabete e l’ipertensione. Inoltre, le malattie vascolari possono essere causate da traumi, infezioni e disturbi autoimmuni.

La predisposizione genetica è una delle cause principali delle malattie vascolari. I soggetti che hanno una storia familiare di malattie vascolari hanno maggiori probabilità di svilupparle. Inoltre, alcune scelte di vita possono aumentare il rischio di sviluppare malattie vascolari. Tra queste, il fumo, la mancanza di esercizio fisico e un’alimentazione scorretta.

Quali sono i sintomi delle malattie vascolari?

I sintomi riconducibili a queste problematiche sono molto evidenti e se non curate nel tempo, possono diventare debilitanti:

  • Gonfiore degli arti inferiori;
  • Un’eccessiva ritenzione dei liquidi;
  • Gambe pesanti e doloranti, specie sulle caviglie;
  • Insorgenza di vene varicose.

Il sintomo più comune delle malattie vascolari è il dolore. Il dolore può variare da lieve a grave e spesso peggiora con l’attività fisica. Inoltre, i soggetti possono avere difficoltà a camminare o a stare in piedi a causa del dolore o del disagio. Anche il gonfiore e lo scolorimento dell’area interessata sono sintomi comuni delle malattie vascolari.

I soggetti affetti da malattie vascolari possono anche accusare affaticamento, vertigini e mancanza di respiro. Questi sintomi possono essere causati dalla mancanza di flusso sanguigno nella zona interessata. Inoltre, i soggetti possono avvertire intorpidimento, formicolio o freddezza dell’area interessata.

Come si curano le malattie del sistema vascolare?

Sono presenti diversi trattamenti per curare queste patologie:

  • Scleromousse. Serve a trattare capillari di piccole dimensioni. Si tratta di iniezioni di un farmaco capace di provocare la coagulazione dei vasi e il loro assorbimento nell’arco di alcuni mesi.
  • Laseraterapia. Il laser può essere utilizzato per trattare piccoli capillari di viso e corpo. Si utilizza un fascio di luce controllata per chiudere i capillari ed eliminare inestetismi vascolari.
  • Termoablazione. È un trattamento mini invasivo usato in sostituzione dell’intervento chirurgico di safenectomia. Si utilizza il calore emesso da una tecnologia laser/radiofrequenza per chiudere la safena o le vene varicose. Il meccanismo a termoablazione riscalda i tessuti dall’interno a una temperatura di oltre 120 C°. Questa procedura è indolore e permette un ritorno alla vita sociale immediato. Rispetto al tradizionale intervento chirurgico di safenectomia, non lascia cicatrici e ematomi ed è indicato per tutte le età, anche per i pazienti più anziani.

Quali sono i tempi di recupero dopo un intervento di chirurgia vascolare?

I tempi di recupero dopo un intervento di chirurgia vascolare variano a seconda del tipo di procedura e della gravità della condizione. In generale, i tempi di recupero dopo un intervento di chirurgia vascolare sono relativamente brevi.

Cosa non fare dopo un intervento di chirurgia vascolare?

È importante seguire le istruzioni del chirurgo vascolare dopo l’intervento. Ci sono alcune attività che dovrebbero essere evitate dopo un intervento di chirurgia vascolare. Tra queste, le attività faticose, il fumo e il consumo di alcolici.

Le attività faticose devono essere evitate per alcune settimane dopo l’intervento. Tra queste rientrano l’esercizio fisico, il sollevamento di carichi pesanti e la corsa. Inoltre, i pazienti devono evitare di fumare e bere alcolici per almeno due settimane dopo l’intervento. Fumare e bere alcolici può aumentare il rischio di complicazioni.

È inoltre importante partecipare agli appuntamenti di controllo con il chirurgo vascolare. Questi appuntamenti sono importanti per assicurarsi che l’intervento sia riuscito e per monitorare i progressi della guarigione. Inoltre, è importante mantenere il sito chirurgico pulito e asciutto per ridurre il rischio di infezioni.

Quanto costa un intervento di chirurgia vascolare?

Il costo della chirurgia vascolare varia a seconda del tipo e della complessità dell’intervento. In juneco il costo per una prima visita con il chirurgo vascolare è di 150€. Per quanto riguarda i trattamenti laser vene e capillari il costo parte da 250€ a seduta mentre il costo della scleroterapia è di 180€ a zona.

+ Prezzi

PRIMA VISITA CHIRURGO VASCOLARE

€150
TRATTAMENTO LASER VENE E CAPILLARI

A partire da €250 a seduta
SCLEROTERAPIA

€180 1 zona

Trattamenti correlati

Richiedi un
consulto gratuito

Il nostro team

trattamenti del mese

chiamaci

WA logo